C'è differenza di risultati tra trapianto di rene da donatore cadavere e vivente?

Negli Stati Uniti, dove il trapianto di rene da donatore vivente viene effettuato in misura notevole e da molti anni, si è visto che questo tipo di trapianto, anche se da donatore non consanguineo, dà risultati superiori a quelli del trapianto da donatore cadavere: il funzionamento del rene da donatore cadavere è circa del 75%  dopo 3 anni e del 63% dopo 5 anni, mentre il funzionamento del rene da vivente è circa dell'85%  a 3 anni e del 77% a 5 anni.
L'esperienza di Treviso (v. figura sottostante) conferma questi dati, con una differenza che a 5 anni è dell'8% circa (funziona circa l'84% dei reni da donatore cadavere e il 92% di quelli da donatore vivente).

Inoltre si sa da molti anni che i Pazienti che hanno ricevuto un trapianto di rene da donatore vivente sopravvivono più a lungo di quelli che hanno ricevuto un trapianto di rene da donatore cadavere o sono rimasti in dialisi, anche se in questo caso i risultati potrebbero forse essere influenzati da meccanismi di selezione dei Pazienti per i trapianti da vivente.
I migliori risultati del trapianto da donatore vivente potrebbero essere spiegati dai vantaggi di questo tipo di trapianto che abbiamo illustrato in precedenza.
 
 
 
indietro di una domanda
 
ritorno all'indice
 
avanti di una domanda